Biro o Bic?

Biro o Bic?

Vi racconto di un dio della quotidianità, come chi ha inventato la molletta, la forchetta, il pedale, l’elastico, lo zerbino, l’accendino e tutti quegli oggetti non eclatanti, che però arredano e in fin dei conti caratterizzano la nostra vita.

In realtà Lui è qualcosa di più, perché nella sua invenzione, con la sua invenzione, noi creiamo e organizziamo quotidianità, appunti, memorie, idee…

Si chiama László Bíró, é stato un giornalista ungherese, poi naturalizzato argentino. Uomo di scrittura, nel 1938, guardando alcuni ragazzi giocare a biglie vicino ad una pozzanghera, si accorse di come le piccole sfere di vetro lasciassero una scia di acqua perfetta sul terreno.

Perché non provarci con l’inchiostro sulla carta?

Negli anni successivi, grazie alla collaborazione con il fratello chimico, costruì, brevettò e produsse le prime penne a sfera della storia. Ecco perché alcuni di voi chiamano ancora queste penne “biro”.

Non fu un grande imprenditore, uomo troppo eclettico per concentrarsi solo sugli affari. Ma un suo socio italo-francese, tale Marcel Bich, acquistò il suo brevetto e continuò il suo business, con maggiore successo. Proprio così, se non le chiami “biro”, le chiami “bic”, questa volta in onore di chi é riuscito a scalare il business di questo prodotto.

Da quando conosco questa storia, uso e diffondo il nome “biro”, perché credo nelle idee, sostengo gli imprenditori e gli uomini di business ma preferisco l’atto generante, il momento della creazione…
E tu? Biro o Bic?

Related Post