20 luglio 1969

20 luglio 1969

Un solo dato scientifico, poi solo parole e pensieri: 110 km dalla superficie lunare. Da questa altezza, il modulo lunare (LEM) abbandonò l’orbita della Luna e si lasciò “cadere” attratto da una gravità aliena. A bordo, Buzz Aldrin e il capitano Neil Armstrong. Michael Collins restò in orbita nel modulo di comando ad aspettare il loro ritorno. È davvero paradossale; si può cadere, addirittura precipitare, pur allontanandosi dalla superficie terrestre. Questa é la scoperta più grande che ci portiamo indietro dalla Luna, non le rocce o le fotografie. Lo sapevamo già, certo, potevamo immaginarlo, viverlo con la fantasia ma provarlo fisicamente é stato necessario e fondamentale. Come deve essere una vertigine non terrestre? Ecco, si, non siamo nel centro di nulla, non esiste nessun privilegio per noi homo sapiens e per estensione, dunque, per nessuno in questo universo. Questa é vera democrazia, una democrazia universale che nessuno deve votare o proteggere, solo osservare e rispettare. Poi emulare. Solo la scienza e la tecnologia e nessun altra disciplina – artistica, religiosa, filosofica o politica – potevano (e possono) regalarci questa consapevolezza universale. Il coraggio e la forza di andare a scoprire la nostra fragilità e umiltà, ecco cosa é stato il 20 luglio 1969. Apollo 11.  ...
Luna, si parte!

Luna, si parte!

Luna, si parte! Esattamente il 16 luglio di 50 anni fa, dalle coste della Florida partiva il razzo vettore Saturn V, che avrebbe portato la navicella Apollo 11 e 3 coraggiosi astronauti alla conquista del nostro satellite, distante circa 400.000 chilometri. Il viaggio durò 4 giorni e così, il 20 luglio 1969, l’uomo camminò sulla Luna, coronando un sogno iniziato con i racconti visionari di Jules Verne della metà dell’Ottocento e passato attraverso scoperte, invenzioni e sfide culturali, scientifiche e tecnologiche incredibili, quasi impossibili. Chi oggi nega quella straordinaria conquista, e non sono pochi, confina se stesso (solo se stesso) nel regno animale, schiavo della propria misera e miope biologia. Incapace di immaginare che l’impossibile e l’incredibile possano diventare l’esatto loro contrario se trattati con immaginazione, coraggio e fatica della conoscenza. Non poter credere nelle epopee e negli eroi é la giusta e peggior punizione che spetta a chi, guardando queste foto, pensa che sia tutta una finzione....